…e vivono felici e contenti

Essere anziani oggi, tra tradizione ed innovazione

Il dato noto a tutti è che l’età media si allunga e la popolazione in età avanzata aumenta di entità, richiedendo progressivamente maggiore attenzione. Ciò che non tutti sanno, invece, è come vivono gli anziani, di cosa hanno davvero bisogno e soprattutto cosa possono offrire.


Fortunatamente, l’idea che il tempo che passa non sia soltanto una vuota attesa, ma un momento che può essere arricchito ed arricchente, è alla base di molti progetti ed opere che inseriscono al centro il benessere dell’anziano, ne valorizzano i pregi e ne garantiscono un’esistenza dignitosa.

I progetti finanziati dall’Otto per Mille nell’ambito della cura degli anziani non sono soltanto piani assistenzialistici, ma opportunità di inclusione, di scambio, di recupero, che mirano a considerare le persone come tali, quindi con necessità sociali ed emotive, oltre che fisiche.


L’intervista a Paola Pasquino, responsabile progetti Italia dell’ufficio Otto per Mille.

infografica2

La consapevolezza ed i numeri crescenti sono alla base dell’aumento del numero di progetti del capitolo anziani che l’Otto per Mille ha finanziato.

La distribuzione geografica non è più concentrata solo nelle aree in cui son presenti le comunità valdesi o metodiste, ma progressivamente si sta estendendo nelle regioni del Centro e Sud Italia.

La filosofia che muove i progetti sottoposti al vaglio dell’Otto per Mille è quella di cercare di facilitare l’integrazione delle persone anziane evitando l’emarginazione, agendo in due direzioni: da una parte favorendo l’incontro e lo scambio intergenerazionale, dall’altra mantenendo la condizione psicofisica degli ospiti delle strutture e del territorio la migliore possibile, con interventi mirati e personalizzati, ma non invasivi. Questo approccio permette di trasformare in risorsa un ampio gruppo di persone che troppo spesso viene considerata un peso.

Questo reportage è a cura dell’Associazione Culturale Francesco Lo Bue/Radio Beckwith Evangelica
ed è stato realizzato da Reportage: Daniela Grill e Denis Caffarel.

Pubblicato a settembre 2015.

Tutti i materiali prodotti sono di proprietà dell’Ufficio Otto per Mille della Tavola Valdese.